Twitter’s Plot

Ho provato, per la prima volta, a seguire delle partite di calcio senza fruirle tramite un unico mezzo mediatico, la Tv. Ho, quindi, letto e interagito su Twitter durante Genoa-Sampdoria e post Milan-Juventus, ho usato per un breve periodo Periscope Live su Twitter in Juventus-Milan, ho intervallato con la Radio, su Rai Radio 1, in entrambi gli incontri.

Ciò che leggerete alla fine, è un tentativo di raccontarvi, concentrandomi sugli aspetti più essenziali, la trama minima delle due partite, usando quasi solo esclusivamente gli status pubblicati su Twitter.

Juventus-Milan

 

La partita di venerdì sera passerà alla storia per questo

In seguito a

Che poi si è concretizzato così

E pochi, veramente pochi, tra molti anni si ricorderanno che Gianluigi Donnarumma è stato capace di compiere una parata del genere (tra le tante della serata) quattro secondi prima che venisse fischiato il rigore.

Emblema di una partita dominata dalla Juventus che ha costretto Montella a togliere dal campo, progressivamente, tutti i suoi uomini offensivi più pericolosi: Kucka per Bacca (?) Poli per Pasalic (=) Vangioni per Ocampos (!) proponendo un 5-4-1 all’italiana e un Deulofeu unica punta con Zapata terzino destro.

L’allenatore napoletano, tuttavia, sarà uno dei pochi, sia sul campo che nel post-partita, a mantenere una calma che sembra periodicamente utopia nel calcio italiano: assurdo leggere che gli spogliatoi degli ospiti della Juventus sono stati danneggiati dai giocatori del Milan. Sottolineo: giocatori.

Le polemiche su Twitter, ovviamente, l’hanno fatta da padrone. E anch’io ho voluto scrivere la mia, senza ricevere alcun tipo di interazione.

Non lo sapevate? Leggete la nostra esclusiva.

Tra i tanti tweet impazziti, alcuni, anche se più moderati, arrivano da personaggi insospettabili come Enrico Letta.

Enrico Letta.

E se sei noto, e in più politico, l’insulto sociale è quasi d’obbligo, motivo per cui, senza scadere nel banale – tanto le risposte ve le potete immaginare benissimo – vorrei segnalare uno dei commenti più fini che, in quel marasma generale, abbia letto.

Ma a rispondere all’ex Premier ci ha pensato anche Paola Ferrari, conduttrice di 90° minuto.

Scusa Paola, ma che vuol dire “Poi al 95esimo con il Milan in 10. Mah”?

Mah.

Riccardo Cucchi, da poche settimane ex radiocronista di Tutto il calcio minuto per minuto, ha, invece, saggiamente e coerentemente con la professionalità di sempre, twittato

E non vorrei ribadire, esasperando il concetto, ma…

Ma rimanendo prettamente sul campo, cosa rimarrà? A me soprattutto quest’immagine (al di là degli hashtag e del nickname)

 

Traccia della serata: La descrizione di un attimo (2000) Tiromancino 

Genoa-Sampdoria

Come se fossimo immersi all’interno di un chiasmo, l’emozione principale del Derby della Lanterna, si consuma soprattutto nell’immediato pre-partita, regalando in mondo visione uno spettacolo del genere

Giovanni Toti? Il Presidente della Regione Liguria? Sì, proprio lui.

A proposito…

https://twitter.com/fab4next/status/840653702830665728

 

Giovanni si stava proprio divertendo e quindi ha continuato a twittare

 

Intanto il derby viene seguito da tutte le parti d’Italia e del mondo.

Ma, scriviamo pure che, la partita stenta a decollare

E c’è chi è indeciso

Forse la sente perché è a Genova. Io la sento perché la prima mezzora l’ho seguita su Rai Radio 1 e ho avuto il piacere di poter ascoltare queste parole di pura poesia da parte del radiocronista Emanuele Dotto (affiancato da Rita Lucido) intercettate e apprezzate anche da Alex.

Il tempo passa e personalmente attendo solo l’ingresso di Schick.

Che arriva, e qualche minuto dopo non segna, ma la Samp passa in vantaggio con il gol di Muriel, sul pasticciaccio Ntcham-Munoz.

No, Luis…non è Cali!

 

Il colombiano è in uno stato di grazia pura. A fine partita Marco Giampaolo, molto provato, dichiarerà ai microfoni di Sky

L’anno prossimo (Muriel) sicuramente non giocherà con noi.

Ad ascoltarlo, ai microfoni di Riccardo Re, c’era il presidente Massimo Ferrero che ha subito risposto: “Giampaolo stai sereno!!” – a proposito di Enrico stai sereno Letta – “Io ti amo!!!”.

Riccardo Re.

 

A fine partita, alla domanda su questo suo atteggiamento così pacato, Giampaolo ha risposto

In questo momento voglio solo andare a casa a dormire.

 

Il Genoa prova a reagire, e Mandorlini inserisce l’asciutto Taarabt

Mentre il polacco fa il fenomeno

https://twitter.com/CB_Ignoranza/status/840677798628982784

Lele Adani lo definirà un giocatore in grado di muoversi come Ozil in un corpo di 188 centimetri.

La partita prosegue e non è che offra molte emozioni, così PremiumSportHD compie l’incauto gesto di twittare

E naturalmente

 

A causa del multitasking operato su me stesso, sono ormai quasi totalmente estraniato dalla partita, pur intuendone l’andamento. E così spero in un gol all’ultimo minuto che possa regalare un colpo di scena degno da derby, ma l’arbitro fischia tre volte. Secondo in meno, secondo in più, nessuno lo nota.

É la notte della Sampdoria!

https://twitter.com/CB_Ignoranza/status/840682171081850880

Non trovare un senso per poterlo guardare in loop.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *