Cosa dobbiamo aspettarci dalla UEFA Nations League

Al via la Nations League

Dopo i Mondiali in Russia del prossimo giugno, partirà a settembre 2018 una nuova competizione biennale che coinvolgerà le Nazionali affiliate alla Uefa. Soprattutto per l’Italia sarà un test importante per rimettersi in carreggiata e capire come ristrutturare un sistema in totale confusione, a partire dalla scelta del nuovo CT.  Gli azzurri affronteranno il Portogallo di CR7 e la Polonia di Lewandonski in un girone molto equilibrato. Questi mesi saranno decisivi per il nuovo corso, in cui ogni passo falso sarà pagato a peso d’oro.

Sarà un torneo che prevederà la partecipazione di 55 squadre divise in quattro leghe in base al ranking UEFA per nazionali all’11 ottobre 2017 con promozioni e retrocessioni. In ciascuna Lega, le quattro vincitrici dei gironi verranno promosse, e quattro squadre retrocederanno per il torneo successivo del 2020. Un campionato a tutti gli effetti che permetterà anche la qualificazione diretta ai prossimi Europei. L’idea era partita già nel 2011 in occasione del meeting strategico a Cipro, per poi essere approvata ad Astana il 27 marzo 2014. La Nations League nasce per intensificare la competizione degli incontri delle nazionali, riducendo notevolmente così le “inutili” amichevoli fine a sé stesse. Le gare della fase a gironi di UEFA Nations League si svolgeranno nell’arco di sei giornate da settembre a novembre 2018. La Lega A e B sarà formata da quattro gironi da tre squadre, mentre la Lega C conterrà due gironi da tre squadre e due gironi da quattro squadre e infine la Lega D sarà formata da quattro gironi da quattro squadre.

Chi affronta chi

Lega A: Come è possibile vedere dalla foto qui sotto, ci sono le squadre con il miglior ranking Uefa. Salta subito all’occhio il primo gruppo con Germania, Francia e Olanda, tre squadre con rose dall’alto valore tecnico che garantirà tanto spettacolo che ci aspetta anche da Spagna, Inghilterra e Croazia. Il secondo e terzo gruppo dove figura l’Italia saranno partite più tattiche, ma che non annoieranno nessuno sicuramente.

  • Le quattro squadre di Lega A con la migliore classifica che non si qualificano per UEFA EURO 2020 accedono agli spareggi a marzo 2020, che mettono in palio un posto alla fase finale.
L'Italia si trova di fronte subito Portogallo e Polonia. |numerosette.eu
La composizione della Lega A.

Lega B: Nella seconda lega i pronostici si prospettano davvero ardui. Sono squadre che galleggiano al confine tra la fascia medio/alta e dai risultati altalenanti, vedi la Svezia con l’Italia per lo spareggio mondiale. L’Irlanda, ancora scottata per l’eliminazione da parte della Danimarca nei Playoff per la Russia, vorrà prendersi la vendetta. Degno di nota il primo gruppo, che viene commentato cosi da Michael Krmenčík, attaccante della  Repubblica Ceca: 

Non avremmo potuto avere avversari più forti. Gli slovacchi Matúš Kozáčik e Patrik Hrošovský sono miei compagni di squadra al Viktoria Plzeň, quindi quella sarà una partita speciale. Non ho mai giocato contro Slovacchia o Ucraina e non vedo l’ora arrivino queste partite. La Nations League mi sembra una gran bella competizione. I gironi sono piccoli e mi piace anche il fatto che non ci aspettano trasferte molto lunghe.

  • Le quattro squadre di Lega B con la migliore classifica che non si qualificano per UEFA EURO 2020 accedono agli spareggi a marzo 2020, che mettono in palio un posto alla fase finale.
Una Lega dove i pronostici sono inutili per l'elevato equilibrio presente. |numerosette.eu
La composizione della seconda Lega.

Lega C: Tre gironi sono composti da quattro squadre, come già annunciato in precedenza. Il livello del ranking si abbassa sensibilmente con Nazionali nettamente minori rispetto alle altre due Leghe. Cipro, Montenegro, Grecia, Estonia e Albania si preannunciano come mine vaganti.

  • Le quattro squadre di Lega C con la migliore classifica che non si qualificano per UEFA EURO 2020 accedono agli spareggi a marzo 2020, che mettono in palio un posto alla fase finale

 

La terza Lega si presenta tra le più ostiche |numerosette.eu
Il terzo raggruppamento prevede tre gironi da quattro squadre.

Lega D: Arriviamo all’ultima Lega del torneo con le Nazionali presenti nelle ultime posizioni del ranking.

  • Le quattro squadre di Lega D con la migliore classifica che non si qualificano per UEFA EURO 2020 ma accedono agli spareggi a marzo 2020, che mettono in palio un posto alla fase finale.
La Lega D con le Nazionali sui gradini più bassi del ranking. |numerosette.eu
L’ultimo sorteggio con gironi da quattro squadre.

Aspetti positivi

Sarà un torneo dalle mille sfumature che avrà come unico obiettivo quello di rialzare il livello del calcio mondiale, anche perché in palio ci saranno posti per il prossimo Europeo. Soprattutto per le ultime 16 squadre del ranking, la Nations League permetterà di giocare partite del proprio livello, provando ad occupare l’unico posto disponibile per Euro 2020. Le varie federazioni, gli allenatori e la Uefa avevano in mente un torneo che rendesse più competitive le partite tra le Nazionali, anche per i tifosi che ora avranno un motivo valido per andare allo stadio. Negli anni pari ci sarà una campione d’Europa o del mondo, mentre negli anni dispari ci sarà una vincitrice della UEFA Nations League, cosi alla fine di ogni stagione calcistica ci sarà qualcuno sul trono a cui provare a rubare lo scettro di campione. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *