Some nights in NBA

‘Some nights’ le squadre hanno bisogno di una luce che si accenda nell’oscurità, che illumini le idee spente dei giocatori NBA. E’ il basket, niente di più.

Leggi
Notte di ordinaria follia

Quando le carte sembrano essere chiare, il futuro luminoso e tutti i pezzi del puzzle inseriti nel giusto verso, ecco che prontamente tutto viene scombinato. Così come accade nelle giornate di sole, dove le nuvole possono intervenire da un momento all’altro per interrompere il tepore che i raggi proiettano, ecco che sui parquet americani sono…

Leggi
Il talento, la barba e l’ingegno

Può capitare che un giorno, uno qualunque della propria vita, cambi qualcosa. Senza averne avuto anticipazioni prima, senza aver potuto calcolare l’onda d’urto che avrebbe generato, quel particolare evento entra a far parte del ritmo vitale di una persona, influenzando lei e tutti quelli che ne condividono insieme qualcosa. Il trasferimento di Dwyane Wade è…

Leggi
Cara NBA ti scrivo…

Cara NBA, Come stai? Come ti senti? So che è difficile non vedere più giocare gente del calibro di MJ o Larry Bird, fenomeni come Magic Johnson o Bill Russell, aver visto scemare lentamente il talento di Iverson e Shaq. E adesso ti ritrovi a piangere per gli addii di quattro giocatori in una sola estate,…

Leggi
Attacco, difesa e Curry

Nel 2003, nell’anno in cui San Antonio vinse il suo secondo titolo NBA, un uomo fece parlare di sé in una partita di Regular Season, un certo Kobe Bryant, non per la quantità di punti realizzati, bensì per il numero di triple messa in un singolo match. 12 per la precisione, con una mano calda…

Leggi